Il collezionista di carte Pokemon è scioccato dopo che PSA ha aperto i suoi rari vecchi pacchetti di GCC

09/12/2022

Un collezionista di giochi di carte collezionabili Pokemon è rimasto sbalordito dopo aver scoperto che la sua prima edizione delle buste di Neo Genesis era stata presumibilmente aperta dal servizio di valutazione PSA.

Nel 2022, le carte Pokémon sono diventate così popolari che i vecchi giochi possono vendere tanto quanto una casa. Tuttavia, per ottenere quei prezzi, i giocatori devono far valutare i loro oggetti da collezione da una società professionale.

Un collezionista che ha inviato le sue rare buste Neo Genesis sigillate per lo smistamento è rimasto sorpreso quando PSA ha restituito i suoi oggetti aperti. La mossa ha portato le carte del GCC retrò a perdere una grande quantità del loro valore.

YouTube: TCA Gaming I pacchetti sigillati di carte Pokémon Neo Genesis della prima edizione sarebbero stati aperti da PSA.

Il collezionista di carte Pokemon ha buste di espansione rare aperte dalla TSA

Il famoso collezionista e venditore "TCA Gaming" ha segnalato per la prima volta l'incidente nell'ottobre 2021. In un video di YouTube, ha mostrato ai suoi spettatori che la sua prima edizione dei pacchetti Neo Genesis del 2000 era stata aperta dopo averli inviati per la tua valutazione. "Hanno aperto i pacchetti", ha affermato. “Era lo stesso per tutte e quattro le buste di Typhlosion. Erano aperti in fondo.

Commerciale

  • Per saperne di più: la carta Pokémon batte il record mondiale dopo essere stata venduta per $ 900.000

Dopo aver mostrato agli spettatori i fondi strappati di ogni oggetto da collezione, il collezionista ha detto: “Non sono sicuro di cosa sia successo. Non solo questi pacchetti sono stati aperti mentre ero al PSA, ma mi è stato anche addebitato. Quindi non solo non se ne sono presi cura e non hanno seguito i canali appropriati con l'assicurazione, o addirittura mi hanno contattato, ma mi hanno addebitato la qualificazione".

In un caricamento del febbraio 2020, TCA Gaming ha aggiornato i fan sulla situazione e ha rivelato di essere stati rimborsati per i danni da PSA. “PSA ha effettivamente pagato il valore che ho messo su queste 4 buste. Hanno anche rimborsato la quota di qualificazione", ha detto mentre mostrava un pagamento di $ 2.000 davanti alla telecamera.

Commerciale

(Il tema inizia alle 8:16)

Sebbene soddisfatto della risoluzione, TCA Gaming ha spiegato: "Ci è voluto un po' più di tempo di quanto mi aspettassi. Voglio dire, sono passati molti mesi a questo punto. Ma alla fine siamo arrivati ​​a una soluzione". Nonostante il rimborso, gli oggetti da collezione danneggiati fanno ancora male.

  • Leggi di più: le 24 carte Pokemon più costose e rare mai vendute

Con le carte Pokemon che continuano ad aumentare di valore, chissà quanto i pacchetti sigillati Neo Genesis 1st Edition potrebbero valere tra qualche anno. Il set ha i rari ologrammi di Lugia e Typhlosion che sono molto ricercati.

Se vuoi conoscere altri articoli simili a Il collezionista di carte Pokemon è scioccato dopo che PSA ha aperto i suoi rari vecchi pacchetti di GCC, puoi visitare la categoria Pokémon.

Redazione Farantube Italia

Scopri le ultime guide e notizie scritte dalla redazione di Farantube, ci dedichiamo alla scrittura di contenuti di altissima qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione ai suoi utenti. I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati sul tuo dispositivo quando visiti un sito web. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di terze parti per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Se desideri saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Politica sui cookie. Cliccando sul pulsante \"Accetto\", acconsenti all\'uso dei cookie. Se non desideri accettare i cookie, puoi rifiutarli modificando le impostazioni del tuo browser. Altro

This site is registered on wpml.org as a development site.